Miniviti ortodontiche

miniviti ortodontiche

Miniviti ortodontiche

Le miniviti ortodontiche sono dei dispositivi medici concepiti per l’inserzione endossea nel mascellare superiore e quello inferiore, con la funzione di creare una possibilità di ancoraggio scheletrico temporaneo per il trattamento ortodontico.

Inserzione delle miniviti ortodontiche

Le miniviti ortodontiche possono essere inserite nelle seguenti regioni:

  • palato anteriore e laterale
  • interradicolare dal lato vestibolare nell’arcata superiore e inferiore
  • direttamente sulla cresta edentula

In particolare, durante l’utilizzo delle miniviti ortodontiche tomas-pin come elemento di ancoraggio, è necessario assicurarsi che la testa della vite e i tessuti molli circostanti non siano esposti a sfavorevoli effetti meccanici. 

Ad es. movimenti della mucosa, effetto di bande e/o della lingua nonché manipolazioni varie.

Decorso postoperatorio

Dopo l’inserzione della minivite ortodontica è necessario lasciare il paziente a riposo per ca. 1 ora somministrandogli, se necessario, un impacco extraorale freddo sul punto d’inserzione. 

La guarigione della gengiva e l’igiene devono essere tenute sotto controllo da parte dell’odontoiatra per tutta la durata del trattamento.

La minivite può essere caricata immediatamente dopo la sua inserzione perché non è necessario attendere una fase di guarigione.

L’elemento di accoppiamento prescelto può quindi essere preventivamente preparato, al fine di poterlo subito collegare alla testa della minivite.

Supporti diagnostici

Per trovare ovvero definire il sito d’inserzione di una minivite ortodontica è sufficiente una radiografia bidimensionale (ortopantomografia, pellicola dentale e cefalogramma laterale) ed i modelli. 

Sulle radiografie è possibile identificare, con una semplice misurazione, lo spazio bidimensionale necessario considerando il fattore d’ingrandimento del radiografico.

Per trovare il sito d’inserzione palatale, può rendersi necessario ricorrere ad una radiografia tridimensionale (CBCT) se si desidera programmare l’intervento a priori con una sorta di chirurgia guidata simile a quella implantare.

A seconda degli obiettivi terapeutici, Dentaurum propone due varianti di minivite ortodontica:

  •  il tomas-pin SD con slot a croce da 22” nella testa che può essere impiegato esattamente come un bracket convenzionale
  •  il tomas-pin EP con testa a forma di fungo particolarmente adatta per l’aggancio di elementi elastici.

In entrambi i casi la testa della minivite può essere accoppiata, a seconda delle indicazioni, alle differenti apparecchiature ortodontiche per realizzare o sostenere il desiderato movimento dentale.